Si torna a parlare della Ferrovia dei Due Mari ma anche delle barrire antirumore in Adriatica.

Protagonisti in commissione Lavori Pubblici del Senato, Mauro Coltorti e Giorgio Fede ma anche i rappresentanti di Ferrovie dello Stato e RFI. “Abbiamo coinvolto – rendono noto i due senatori – i colleghi alla Camera Rachele Silvestri e Gabriele Lorenzoni. I temi trattati sono stati tanti, per i quali abbiamo chiesto ulteriori incontri specifici di approfondiento”.

Le barriere antirumore, per prima cosa. “Un tema – fanno sapere i due senatori – che da oltre 15 anni viene portato avanti senza alcuna informazione per i residenti delle aree costiere e senza il dovuto approfondimento che stiamo portando in evidenza”.

Non meno importante il progetto del collegamento tra costa Adriatica e costa Tirrenica con la Ferrovia dei Due Mari fermo ormai da una eternità.

“Il progetto potrebbe collegare Roma, Rieti, Antrodoco, Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto – affermano – con una linea da sempre senza alcun collegamento di trasporto pubblico. Abbiamo parlato di potenziamento e analisi sulle fermate per i comuni della zona Piceno-Teramana, dalla costa all’entroterra, serviti dalla stazione di San Benedetto del Tronto, che vivono un “buco” di fermate ampio oltre 150 chilometri, a fronte di fermate ricorrenti e disponibili in altre zone ogni 50, 60 chilometri”.

“Il lavoro da svolgere – concludono – è enorme, colmare le lacune di una politica ignava e bugiarda per oltre un secolo, i cui risultati pesano sulla pelle di tutti noi che viviamo in questi territori. Risolvere le ineguaglianze ed i disservizi di una nazione che vive a due velocità, dall’alta velocità al passo di lumaca. Nessuno deve rimanere indietro, neanche nel mondo delle infrastrutture e trasporto, lavoriamo anche per questo”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi