Torniamo ancora una volta a parlare di rotabili demolendi nel loro penultimo viaggio.

Lo facciamo perché ieri se ne sono mossi altri due, uno da Milano ad Alessandria e uno da Bologna ad Alessandria, in quello che è il penultimo miglio verso la riduzione volumetrica.

Il primo treno era trainato dalla DE 520 004 che ha portato in Piemonte la 245.2152 in compagnia della 245.2248 e del 214.4179 ma soprattutto della ALn 668.1846. Questa automotrice è una delle ultime che ha girato in Lombardia insieme alla veterana ALn 668.1803 per la quale si dovrebbe prospettare, forse, un destino migliore.

Contestualmente ha mosso da Bologna, sempre alla volta della città piemontese, anche un convoglio trainato dalla E.632.052, che assieme ad alcune carrozze inserite in composizione per massa frenante portava al demolitore le "Tigre" E.632.031, .040, .053 e .060.

Queste locomotive erano da anni accantonate nello scalo di Bologna Ravone, insieme ad altre tre E.632, andate alla demolizione la scorsa primavera.

Di Tigre in Emilia Romagna ne restano attive quattro, le E.632.037, .038, .048 e .052, che sono utilizzate per recuperi, soccorsi ed invii. Di norma, le unità, .037, .038 e .052 sono a Bologna Centrale, mentre la .048 è spesso a Rimini.

Foto e video di Simone Bertarini

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Treni e tecnologia