La tratta ferroviaria Alba Adriatica - Vasto-San Salvo, è parte della linea Adriatica che unisce Ancona a Lecce.

In territorio abruzzese, la linea nasce al chilometro 302,2 nella stazione proprio di Alba Adriatica-Nereto-Controguerra. Volgendo verso sud incrocia dopo poco la fermata di Tortoreto Lido e quindi al chilometro 312,4 quella di Giulianova.

Qui è presente la prima diramazione che si incontra lungo il percorso, quella che conduce nell'entroterra verso Teramo. Proseguendo verso sud, la linea raggiunge invece Roseto degli Abruzzi al km 321,7 e quindi Scerne di Pineto che apre a Pineto-Atri, stazione composta da tre binari e situata al km 330,7. 

Costeggiando sempre le affollate coste del mare Adriatico, in alcuni tratti molto vicino alla spiaggia, la ferrovia supera la celebre Torre Cerrano, una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli, e raggiunge la fermata a due binari di Silvi e quindi Montesilvano che anticipa l'arrivo al km 350,0 a Pescara Centrale.

L'impianto successivo che si incontra è quello di Pescara Porta Nuova, dove si innesta la linea che proviene da Roma e che anticipa Pescara Tribunale, stazione per il servizio metropolitano cittadino sorta nel 2007.

Lasciato il capoluogo di provincia la tratta prosegue la sua corsa verso sud raggiungendo al km 359,1 l'impianto dotato di quattro binari di Francavilla al Mare e quindi la fermata di Tollo-Canosa Sannita, oltrepassata la quale i due binari si riuniscono per passare sotto la galleria "Cimitero", ancora a binario unico, che introduce nella stazione di Ortona. 

Da qui parte la ferrovia di TUA (ex Sangritana) che conduce fino a Crocetta e che attualmente risulta chiusa anche se ancora armata.

Proseguendo verso sud, la tratta entra invece in galleria e bypassando la meravigliosa Costa dei Trabocchi, riesce a San Vito-Lanciano nell'impianto di nuova costruzione da dove si stacca la breve tratta sempre di TUA che muove verso l'entroterra fino a raggiungere Lanciano.

 

Entrando nuovamente in galleria, l'Adriatica prosegue invece alla volta di Fossacesia-Torino di Sangro dove è presente il raccordo non elettrificato che porta alla SEVEL, fabbrica dove vengono prodotti i furgoni che vengono spediti via ferrovia in tutta Europa.

In rapida successione si susseguono quindi le stazioni di Casalbordino-Pollutri, Porto di Vasto e Vasto-San Salvo che al chilometro 416,4 chiude la tratta in territorio abruzzese.

Se si esclude la breve tratta a nord di Ortona, ancora a binario unico, la linea è tutta a doppio binario, ovviamente elettrificata a 3 kV cc. La tratta, in totale, è lunga 114,2 chilometri, con una decisa riduzione rispetto al bellissimo tracciato originale che correva lungo la costa ed è stato abbandonato ormai da parecchi anni.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.