Capitano spesso accostamenti particolari in ferrovia, ma raramente significativi come questo.

Siamo a Milano Lambrate, nella giornata di oggi, un pomeriggio di fine inverno.

Due merci si affiancano, ma non sono due treni qualunque. A sinistra, perfettamente illuminata da uno degli ultimi tramonti della sua carriera, quasi come una metafora, c'è la E.655.521. A destra, quasi a sorpassarla, ancora metaforicamente, la 193 468.

Appartengono a due compagnie diverse, una a Mercitalia Rail e l'altra a SBB Cargo, eppure capita ancora di frequente che condividano i binari. Ancora di frequente ma ancora per poco.

Tra loro "viaggiano" la bellezza di 34 anni di differenza e se vogliamo dirla in termini più specifici, diverse generazioni di locomotive. La E.655.521, nata ovviamente E.656.521 è una Reggiane-Ansaldo del 1984 mentre la 193 469 è una Siemens del 2018.

Quando è uscito il CaimanoBerlino era ancora divisa in due, le Torri Gemelle svettavano al centro di Manhattan e l'Italia aveva vinto "solo" tre Campionati del Mondo di calcio.

34 anni di distanza tra due mezzi ancora in servizio regolare in una singola foto. Non è certamente un record ma una piccola anticipazione di un inevitabile passaggio di consegne.

È la vita, dicono.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Treni e tecnologia