L'Italia, è noto, è sempre stato un paese ferroviariamente molto evoluto ma negli ultimi anni ha decisamente perso lo smalto nel settore dei treni internazionali.

Può sembrare una cosa di poco conto, eppure, chi viaggia spesso sa bene che il nostro Paese è tragicamente arretrato dal punto di vista dei collegamenti internazionali che sono in numero ridottissimo se confrontati a quelli degli altri paesi europei.

Le nostre principali città sono unite poco e male con quelle oltre le Alpi. Milano è in tal senso la più privilegiata, con servizi sulla Russia, sulla Francia, sulla Svizzera, sulla Germania e sull'Austria, seguita a grande distanza da Torino, da Venezia, da Bologna e da Roma che hanno collegamenti che si contano su una mano e che ogni anno risultano a rischio.

Non mancano altri servizi sporadici tra il Friuli Venezia Giulia e l'Austria o la Slovenia ma nella globalità il panorama è assolutamente disarmante.

Eppure un tempo non era così. Basta andare indietro di pochi anni per ricordarsi treni periodici o meno di collegamento tra Roma e il nord Europa, l'Unione Sovietica, con altri che coinvolgevano anche la Campania e persino la Puglia, tanto per citare due regioni oggi completamente tagliate fuori.

Non vogliamo usare questo articolo per parlare del passato, ma solo per mostrare a chi ci legge come questo comportamento rinunciatario verso i collegamenti esteri sia una follia tipicamente italiana, che ovviamente non trova seguito nel resto dell'Europa che conta.

Prima di citare qualche esempio non bisogna dimenticare che la maggior parte dei servizi attualmente circolanti nel nostro Paese è realizzata da compagnie ferroviarie straniere, con un abbandono pressoché sostanziale da parte della nostra società di bandiera.

Mentre noi continuiamo a chiuderci in noi stessi, l'Europa si unisce sui binari. Non li citeremo tutti per non essere noiosi, eppure collegamenti quotidiani uniscono città importanti e produttive. Parliamo ad esempio del Berlino - Varsavia, o del Budapest - Varsavia via Bratislava o del Cluj Napoca - Vienna via Budapest.

E ancora il Budapest - Praga via Brno, il Budapest - Vienna, il Vienna - Varsavia, il Vienna - Gdynia, il Praga - Berlino o il lunghissimo Amburgo - Budapest via Berlino, Dresda, Praga e Bratislava.

Ma l'elenco non finisce qui, perché ci sono anche i vari Zagabria - Vienna, Gdynia - Vienna, Copenaghen - Amburgo, i collegamenti tra Parigi - Bruxelles - Colonia e Amsterdam, il Mosca - Berlino, il Monaco - Rijeka e lo strepitoso servizio periodico tra Berlino e Malmö.

È notizia di ieri, inoltre, che entro 5 anni la capitale tedesca sarà collegata alle tre nazioni baltiche con treni su Riga, Tallin e Vilnius e al contempo un diretto, senza cambio macchina, tra Berlino stessa e Amsterdam.

Come detto, non ci siamo messi a citarli tutti, il nostro intento era solo quello di far conoscere ai meno informati la fitta trama di treni internazionali che circolano tra i paesi europei e dai quali l'Italia, sia per ragioni geografiche che soprattutto politiche, risulta drammaticamente tagliata fuori.

Detto in altre parole, chi vive in alcuni paesi d'Europa evoluti come dovrebbe essere il nostro, ha a disposizione una tale quantità di convogli da poter arrivare praticamente ovunque senza dover ricorrere all'aereo. Una scelta obbligata invece per gli italiani che preferirebbero spostarsi via terra, soprattutto se provenienti dal sud Italia.

Una scelta ancora meno lungimirante se si considera che per i pochi servizi ancora rimasti si deve sottostare al giogo di altre amministrazioni ferroviarie che potrebbero "chiudere i rubinetti" in qualsiasi momento e troncare i collegamenti in essere, come già visto fare per quelli che una volta permettevano a Roma di esser collegata con la Svizzera.

Tra una Freccia e un Regionale sarebbe il caso di rivedere tutto questo discorso, anche aggiornandolo alla luce delle nuove tratte AV costruite e in costruzione. Perché la rete ferroviaria deve essere pensata sempre più come una tela europea e non più nazionale.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia