Mal messe, piene di problemi, spesso citate negativamente dalla stampa.

Eppure, come abbiamo visto nella prima puntata, le ferrovie, in Sicilia, ancora regalano delle situazioni che, nel bene e nel male, è possibile trovare solo nella splendida Trincria!

Anche stavolta ce ne dà conto in questa rubrica volutamente molto fotografica e poco testuale, il nostro corrispondente dall'isola, Vito Manno, che ci mostra cose che raramente si trovano in continente.

Passaggi di consegne, incroci particolari, tempi che si sono fermati, tutto quello che ancora caratterizza una rete ferroviaria che si sta risollevando con una lentezza al contempo scoraggiante ma per certi versi anche affascinante.

La moltiplicazione delle E.656

Locomotive ormai prossime alla radiazione, stanno trascorrendo gli ultimi momenti della loro carriera alla testa di treni passeggeri esclusivamente in Sicilia.

In continente praticamente non girano più, se non per qualche servizio sporadico o pochi merci che ancora le vedono protagonisti. Nell'isola, mentre vengono sostituite dalle E.464 alla testa degli Intercity, siano essi Giorno o Notte, queste locomotive regalano ancora molto.

In questa foto è visibile un invio di non una, non due, ma ben tre E.656 e due carrozze storiche in transito nella stazione di Palermo Roccella, il giorno della riapertura della linea Palermo-Messina (chiusa nell'estate 2019 per lavori di potenziamento).

L'aspetto estetico è quel che è, la potenza disponibile enorme in relazione al convoglio, ma il servizio è degno di nota per un tris che riporta a diversi anni fa, quando ancora regnavano sovrane e incontrastate.

A spasso nel tempo

Nonostante il traffico MIR non proprio florido in Sicilia (specialmente nella parte occidentale) si assiste ad una bella sfilata di livree per le locomotive E.652, ma probabilmente mai nessuna ha raggiunto la consistenza storica documentata dalla foto qui presente.

La E.652.003 e la D.345.1005, entrambe in livrea originale, sono in uscita da Palermo Brancaccio pronte per un invio alla volta di Messina.

Nello scatto, realizzato in una bella giornata di sole tipicamente siciliana, non ci sono altri mezzi, e se non fosse per alcuni particolari rivelatori, si potrebbe davvero pensare di essere in un'epoca meno recente.

Anche in questo caso, scene che normalmente, altrove, si vedono con la cadenza della cometa di Halley.

Laboratorio E.464

Le E.464 a spasso per l'isola di certo non hanno vita facile tra infrastrutture non proprio in forma e condizioni geografiche e climatiche particolari.

Nonostante ciò sono state capaci di dimostrare per la prima volta di poter essere considerate pari alle altre locomotive del Servizio Universale se non più moderne e performanti.

Nonostante la comparsa di queste macchine trasformate anche nello stivale, la Sicilia rimane l'unico posto in cui una E.464 (.617/.619) XMPR della Regionale abbia espletato un servizio viaggiatori Intercity regolare!

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia