Il 24 maggio 1999 si disegna una delle pagine più brutte dello sport e della ferrovia in Italia.

È un caldo pomeriggio primaverile quando si svolge l'ultima partita del campionato della Serie A di calcio tra il Piacenza e la Salernitana.

L'incontro finisce in pareggio, risultato che decreta la retrocessione in Serie B della squadra campana. Alla fine della partita avvengono vari scontri tra tifoserie e calciatori e le forze dell'ordine devono intervenire per riportare la calma in campo e sugli spalti nonché per condurre i 1.500 tifosi della Salernitana fuori dallo stadio Garilli fino alla stazione di Piacenza, dove è stato predisposto il treno numero 1681 diretto a Salerno.

È un convoglio composto da 13 carrozze, lunghissimo ma non sufficiente per il numero di tifosi che deve accogliere, tanto che a Bologna saranno aggiunte altre 3 vetture. Per la scorta sono previsti 12 agenti di polizia, decisamente troppo pochi per come si è messa la situazione.

All'interno delle vetture si scatenano subito disordini d'ogni genere tanto che il treno, previsto in partenza alle 20:04, riesce a lasciare Piacenza solo alle 23:00 circa.

Durante il viaggio gli atti di vandalismo si moltiplicano. Vengono scardinati e scaricati gli estintori, strappati i sedili e rotti i finestrini. Il treno viene inoltre fermato spesso a causa dell'indebito azionamento del freno di emergenza. Nella stazione di Bologna alcuni facinorosi assaltano il bar e poi si riforniscono di pietre che lanciano poi lungo il percorso causando danni a Grizzana Morandi, a Prato, a Firenze Campo di Marte e a Roma Tiburtina.

In questa stazione il convoglio ha una sosta tecnica ma viene fatto ripartire quasi subito perché viene iniziata una fittissima sassaiola

A Nocera Inferiore vengono lanciati sassi contro le abitazioni e i veicoli e, infine, all'interno della Galleria Santa Lucia scoppia un incendio nella quinta vettura che compone il convoglio.

Secondo alcune fonti si tratterebbe dello scoppio di un fumogeno, ma molto più probabilmente alcuni facinorosi hanno pensato a un diversivo per non venire identificati all'arrivo. L'idea è quella di far arrivare in stazione il treno in fiamme, di distrarre l'attenzione e di fuggire indisturbati.

Ma qualcosa va storto. Non viene considerato il gioco d'aria presente nella lunghissima galleria che in breve tempo con la velocità del treno fa crescere l'incendio a dismisura e con esso i fumi tossici. Come se non bastasse qualcuno tira il freno di emergenza quando ancora il convoglio non ha raggiunto l'uscita.

I macchinisti riescono a tirare avanti fin quando possono mentre molti tifosi, per sfuggire al rogo che è diventato infernale, saltano giù dai finestrini ferendosi e mettendosi a correre. Non tutti, però, riescono a sfuggire all'appuntamento col destino. Nel dramma perdono la vita quattro giovanissimi tifosi della Salernitana che probabilmente vengono sopraffatti dai fumi tossici prima di essere definitivamente vinti dalle fiamme.

Le indagini porteranno all'arresto di tre persone con condanne da 8 mesi a 8 anni. Da quel triste giorno vengono sospese a tempo indeterminato le trasferte organizzate con i treni speciali organizzati dalle Ferrovie dello Stato.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia