Arrivato a Fiumicino il 23 giugno con un volo speciale da Dacca, avrebbe dovuto stare per due settimane in isolamento fiduciario.

Invece, l’uomo, un 53enne originario del Bangladesh, ha viaggiato prima verso la Romagna, poi nelle Marche, e infine è tornato a Roma dove ieri è stato fermato dalla Polfer alla Stazione Termini. La vicenda, è stata riportata questa mattina dal Messaggero e confermata da fonti della Polfer.

Il bengalese, residente in provincia di Roma, ha raccontato agli agenti di aver viaggiato fino a Rimini con un taxi privato, per poi arrivare a Milano Marittima.

Lì, a suo dire, si sarebbe messo in isolamento, anche se risulterebbero degli spostamenti nei dintorni.

Secondo il suo racconto, sarebbe dunque stato sottoposto al test risultando positivo. Nonostante questo, però, il bengalese il 7 luglio avrebbe deciso di spostarsi in treno prima a Falconara, nelle Marche, e poi a Roma Termini, dove ieri è stato fermato dalla Polfer, che, comprendendo immediatamente le sue condizioni di salute, ha allertato il 188, che lo ha trasportato all'Umberto I.

Il 53enne è stato denunciato per violazione della quarantena.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.