Un evento curioso coinvolgerà le ferrovie russe a partire dal prossimo 1 agosto.

Le RZD - Rossijskie železnye dorogi -, secondo quanto riportato da il Corriere della Sera, hanno infatti deciso di abbandonare da quella data l’ora di Mosca sui biglietti e di indicare in ogni stazione il tempo locale per partenze e arrivi. In pratica quello che succede in tutti i paesi europei, non fosse che in Russia le zone con orario differente sono ben undici, cosa che rappresenta è un problema piuttosto serio. 

Attualmente in Russia un convoglio che ad esempio lascia Vladivostok, sul Pacifico, alle sette della sera, viene indicato in partenza alle 12 e per evitare che i viaggiatori pensino di aver già perso da ore il treno, sui tabelloni viene indicata anche l’ora locale.

Il cambiamento del 1 agosto, però, rischia di non essere indolore. Per mantenere l’uniformità «operativa», i macchinisti e le sale operative delle stazioni continueranno a utilizzare l’ora di Mosca. Ai controllori sarà data disposizione di modificare l’orario sui display nelle carrozze a ogni passaggio di fuso orario, ma non dovranno toccare i loro orologi personali necessari per coordinarsi con la sala operativa. Il rischio che si crei confusione, con qualche disservizio per chi viaggia è veramente altissimo. Chi vivrà vedrà.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.