Mauro Moretti è stato giudicato oggi colpevole nella sentenza di primo grado emessa a Lucca nel processo relativo alla strage di Viareggio in cui il 29 giugno 2009 morirono 32 persone. Per lui la pena è di sette anni. Moretti era allora AD di Ferrovie dello Stato, mentre ora è alla guida di Leonardo-Finmeccanica. L'accusa aveva chiesto 16 anni. Moretti è stato assolto come amministratore delegato di FS, ma condannato come ex amministratore delegato di RFI, la società del gruppo che si occupa dell'infrastruttura ferroviaria.

Condannati a 7 anni e 6 mesi anche Michele Mario Elia, nel 2009 AD di Rete Ferroviaria Italiana e Vincenzo Soprano, ex ad di Trenitalia e di FS Logistica. Gli imputati sono in tutto 33, e 9 società. I condannati sono stati 23, 10 gli assolti. Sono tutti stati accusati a vario titolo di disastro ferroviario, incendio colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni personali. Tra le società assolte anche Ferrovie dello Stato e FS Logistica, mentre vengono condannate RFI e Trenitalia con una sanzione di 700.000 euro. "Rilevo il frutto del populismo che trasuda dalla sentenza" - è stato il commento di Armando D'Apote, legale sia di Moretti che di Fs - scandaloso l'esito del processo". L'avvocato ha espresso "parziale soddisfazione per l'assoluzione di Moretti nella sua veste di amministratore di FS e di Ferrovie dello Stato".

Foto a cura di rabendeviaregia (originally posted to Flickr as IMG_3124) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia