L’abbonamento AV di Trenitalia resta, e si fa in quattro. Quattro versioni, diverse per prezzo e ampiezza d’uso.

I clienti delle Frecce AV potranno quindi ancora contare, da febbraio, su un abbonamento mensile che l’azienda venderà, senza alcun corrispettivo pubblico, ad un valore equivalente a quello di 8, o al massimo 14, biglietti di corsa semplice, all’attuale prezzo base. Insomma, in una settimana ammortizzeranno il costo dei viaggi di un intero mese.

Le quattro differenti tipologie di abbonamento, disponibili e acquistabili dal 17 gennaio, avranno un costo decrescente in base all’ampiezza delle fasce orarie e ai giorni della settimana in cui il cliente intenderà farne uso.



- Abbonamento AV valido tutti i giorni, per tutto il giorno

- Abbonamento AV valido tutti i giorni della settimana per treni in partenza nella fascia oraria 9:00 – 17:00;

- Abbonamento AV valido per viaggi dal lunedì al venerdì in tutte le fasce orarie;

- Abbonamento AV valido per viaggi dal lunedì al venerdì per treni in partenza nella fascia oraria 9:00 – 17:00.

I nuovi abbonamenti consentono di effettuare, nel mese di validità, prenotazioni sui treni AV e viaggi sia sui treni AV che sui treni di categoria inferiore, esclusivamente nelle giornate e nelle fasce orarie in cui sono validi.

In fase di emissione della prenotazione, il sistema verifica automaticamente la corrispondenza dell’orario e del giorno di partenza del treno AV e la validità  dell’abbonamento.

Barbara Morgante, AD Trenitalia: "Abbiamo mantenuto quanto avevamo anticipato in tutte le sedi, anche istituzionali,  confermando gli abbonamenti  AV. Li abbiamo però differenziati in quattro diverse tipologie, anche per venire incontro alle diverse esigenze di  quanti li utilizzano e degli altri clienti non abbonati: l’obiettivo è offrire un servizio migliore a tutti. Ricordo che l’abbonamento non può contare su contributi pubblici e deve contribuire alla sostenibilità economica del servizio offerto."

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia