Incontro oggi a Zurigo tra Renato Mazzoncini, CEO e Direttore Generale di FS Italiane, e Andreas Meyer, CEO di FFS nel corso del semestrale meeting bilaterale Italia – Svizzera.

All’incontro lato Italia hanno partecipato anche Maurizio Gentile, AD di RFI, Marco Gosso, AD di Mercitalia Logistics, e Gianpiero Strisciuglio, Direttore DPLH Trenitalia.

I principali temi affrontati:

  • l’avvio, da domenica 10 dicembre 2017, del collegamento diretto Milano – Francoforte sul Meno via Basilea, effettuato in cooperazione trilaterale da Trenitalia (Gruppo FS Italiane), Ferrovie Federali Svizzere (SBB/CFF/FFS) e Deutsche Bahn (DB);

  • analisi della crisi registrata dal trasporto merci e dalla logistica in seguito all’interruzione, da agosto a inizio ottobre, della linea ferroviaria a Rastatt in Germania, pianificazione degli interventi necessari per sviluppare Corridoi ferroviari interoperabili e integrati;

  • prolungamento della cooperazione tra FS e FFS.

Nel corso della riunione sono state analizzate anche le ripercussioni registrate nello spostamento delle merci e nella logistica, dal Nord Europa al Mediterraneo, per il blocco del traffico ferroviario nella stazione di Rastatt. In particolare, l’attenzione è stata concentrata sulla gestione operativa della crisi, la valutazione dei rischi connessi e la necessità di pianificare e avviare interventi infrastrutturali e tecnologici per sviluppare Corridoi ferroviari europei interoperabili e integrati.

Infine, Mazzoncini e Mayer hanno discusso del prolungamento della cooperazione fra FS Italiane e FFS. L’Accordo dei Castelli, che contiene i programmi di lavoro per gli importanti appuntamenti dei prossimi anni, è infatti considerato il miglior modello di cooperazione in relazione a sinergie e collaborazione per lo sviluppo della rete infrastrutturale ferroviaria e andrà rilanciato per gli obiettivi 2020.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia