Circa 14 miliardi di euro. Questa la cifra degli investimenti in Lombardia nei prossimi anni. L’obiettivo di FS Italiane attraverso la controllata Rete Ferroviaria Italiana, il Gestore dell’infrastruttura nazionale, come previsto nel Piano industriale 2017-2026 è stato reso noto nel corso del convegno sui trasporti ferroviari tenutosi ieri a Varese e organizzato dal Partito Democratico.

Queste nel dettaglio le opere previste o già in corso di realizzazione.

 
NUOVA LINEA ARCISATE – STABIO (SVIZZERA)
Lo stato di avanzamento dei lavori è pari al 75% per quanto riguarda le opere civili. L’attivazione della linea dovrebbe avvenire a dicembre 2017, con il cambio orario e contestualmente alla riattivazione della linea Varese – Porto Ceresio (circa 9 km), interrotta dal 2009 per consentire i lavori di costruzione del nuovo collegamento.
La nuova linea si sviluppa principalmente in territorio italiano (oltre 8 km) fino al confine, collegando Varese con Como e il Canton Ticino. Sarà così possibile raggiungere l’aeroporto internazionale di Milano Malpensa dalle città della Svizzera centrale e meridionale nonché connettere le direttrici del Sempione e del Gottardo, grazie all’interscambio ferroviario di Gallarate.

REVAMPING STAZIONI
Importanti interventi sono previsti per la stazione di Varese. Tra questi l'abbattimento delle barriere architettoniche con l’installazione di ascensori/rampe, l'innalzamento dei marciapiedi a 55 cm dai binari secondo lo standard europeo del Servizio ferroviario metropolitano al fine di facilitare l’accesso ai treni, la riqualificazione del fabbricato di stazione e del sottopasso e il rinnovo con potenziamento degli impianti di informazione ai viaggiatori e di illuminazione.
Un programma di riqualificazione è già stato avviato anche per altre stazioni della rete RFI della Lombardia. A fine lavori sarà migliorata l’accessibilità complessiva e la qualità del servizio, a beneficio delle migliaia di pendolari che ogni giorno si sposta per lavoro o studio.

LINEA RHO – GALLARATE: POTENZIAMENTO INFRASTRUTTURALE

È in corso al CIPE l’istruttoria per approvare il progetto definitivo del potenziamento infrastrutturale del tratto di linea Rho – Parabiago.
Il potenziamento della Rho – Gallarate si sviluppa complessivamente per circa 31,5 km, di cui circa 8 km tra Rho e Parabiago. È prevista anche la realizzazione del raccordo a “Y” fra la linea RFI e la linea di Ferrovie Nord Milano oltre al completamento degli interventi di potenziamento infrastrutturale del tratto Parabiago – Gallarate nonché del Piano regolatore generale (PRG) ferroviario delle stazioni di Rho, Busto Arsizio e Gallarate.
Sarà così incrementata la capacità dei binari a beneficio dei regionali veloci, del traffico merci e dei treni a lunga percorrenza. La linea attuale sarà specializzata per il traffico suburbano e saranno risolte le interferenze tra i flussi di traffico, con benefici anche sulle relazioni suburbane della linea Milano – Novara.

LINEA CREMONA – MANTOVA: RADDOPPIO
Il raddoppio della linea ferrovia che unisce Mantova a Cremona sarà realizzato per fasi. Nel 2017 è previsto l’avvio della progettazione della prima fase funzionale: Mantova – Piadena.
Il progetto prevede l’eliminazione di tutti i passaggi a livello e consentirà di incrementare progressivamente la capacità di traffico e la regolarità e puntualità dei servizi.

LINEA ALTA VELOCITÀ/ALTA CAPACITÀ MILANO – VENEZIA
Nella stazione di Brescia sono in corso i lavori per riorganizzare l’assetto dei binari per separare i flussi di traffico (Alta Velocità, media e lunga percorrenza, regionali/metropolitani e merci). Oltre a questo si stanno realizzando tre nuovi marciapiedi destinati al servizio AV e al trasporto regionale per Cremona. L’attivazione dei nuovi binari dedicati ai treni AV avverrà nel corso del 2018. È inoltre in fase di conclusione l’iter autorizzativo del progetto definitivo della linea Alta Velocità/Alta Capacità Brescia – Verona. I cantieri saranno avviati nel 2017 e i lavori dovrebbero concludersi entro sette anni. L’opera consentirà la separazione del traffico a lunga percorrenza da quello regionale e metropolitano, elevando lo standard di regolarità e puntualità anche per il traffico pendolare. Il costo complessivo della linea AV/AC inserito nell’aggiornamento 2016 del Contratto di Programma parte Investimenti 2012-2016 fra RFI e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è pari a 3,8 miliardi di euro, di cui 2,2 già finanziati, valore da aggiornare a valle della progettazione inerente il quadruplicamento in uscita da Brescia previsto in sostituzione dello shunt. Con l’attivazione dell’esercizio commerciale del tratto di linea AV/AC Treviglio-Brescia, sono stati attivati i collegamenti veloci, 36 minuti di viaggio, tra Brescia e Milano.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia