Il raddoppio del binario unico che allaccia Mantova a Codogno in direzione Milano inizia a diventare realtà.
Ad avvicinare il traguardo è l'investimento da 310 milioni di euro inserito nel Contratto di programma 2017-2021 di RFI cui manca solo il via libera del Governo.
"La disponibilità di questi fondi segna un'altra tappa molto rilevante per Mantova – osserva il deputato Matteo Colaninno – Il raddoppio della linea per Milano è uno dei temi a cui da tempo dedico il mio impegno. Dopo aver conquistato il collegamento ad alta velocità con Bologna, Firenze e Roma, oggi anche questo traguardo è vicinissimo. Parliamo di un salto di qualità per Mantova e i mantovani, è noto a tutti il disagio che i pendolari devono affrontare quotidianamente".

Lo stanziamento dei 310 milioni è l'ultimo atto di una intensa trattativa tra Colaninno stesso, il sindaco di Mantova Mattia Palazzi e i vertici di Ferrovie dello Stato ed RFI, avviata sul finire del 2015. L'impegno delle due aziende si è tradotto in uno studio di fattibilità che ha stimato in 900 milioni di euro il costo del raddoppio complessivo della linea tra Mantova e Codogno: i 310 milioni del Contratto di programma 2017-2021 servirebbero a finanziare il primo di tre lotti.
«Insieme a Palazzi e agli altri sindaci interessati continueremo a lavorare perché anche l'ultima firma sia messa sul documento" assicura Colaninno. E con lui sperano i 12mila pendolari che ogni giorno si mettono in viaggio sui binari.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia