Sarà a marzo il mese della Mobilità Dolce, un mese pieno di iniziative promosse da Co.Mo.Do. (Confederazione Mobilità Dolce). Nata con la missione di censire, salvaguardare e valorizzare i cammini di Mobilità Dolce, la difesa delle linee ferroviarie in esercizio o di treni turistici, la Confederazione vede oggi, nella sua proposta, un notevole riconoscimento. Recentemente, infatti, è stata approvata la legge alla Camera per lo sviluppo delle Ferrovie Turistiche, sostenuta da Co.Mo.Do. e di cui ora è attesa definitiva approvazione al Senato.

Il mese “lento” inizierà proprio con la “Giornata delle Ferrovie NON Dimenticate” che coinvolgerà le 18 linee turistiche previste nel decreto ma anche le altre presenti in tutta Italia. Il 5 marzo verranno proposti viaggi lungo le tratte storiche e turistiche, camminate su vecchie ferrovie e stazioni abbandonate organizzate da Legambiente e Italia Nostra, insieme a numerose pedalate organizzate dalla FIAB, treni turistici promossi dall’Associazione ferrovie turistiche e museali tra cui quello organizzato sulla Transiberiana d'Italia, la Sulmona-Carpinone dall’associazione Le Rotaie con Fondazione FS. Tra le altre ferrovie coinvolte la Noto-Pachino, il Treno del Barocco allestito con rotabili storici, la Pontremolese lungo la via Francigena, il Treno della Sila, la Valmorea, il treno della Magna Grecia che porta alla riscoperta dei siti archeologici da Crotone a Sibari, lungo i binari della storica linea ferroviaria che dal 1875 lambiscono il mar Jonio.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia