Un ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale è stato trovato sabato scorso durante alcuni interventi di pulitura e taglio dei rami adiacente alla ferrovia nei pressi di Scurcola Marsicana. La zona è stata transennata e messa in sicurezza dai carabinieri in attesa dell’arrivo degli artificieri che dovranno portare via e far brillare la bomba.

Il ritrovamento è avvenuto alle prime ore del mattino durante gli interventi di messa in sicurezza della linea ferroviaria che unisce Roma a Pescara, a pochi metri dal passaggio a livello nei pressi della stazione di Scurcola. In questi giorni sono in corso lavori che prevedono il taglio dei rami e delle radici che potrebbero causare danni alle rotaie e dunque problemi al transito dei treni.

L’Abruzzo, regione divisa dalla linea Gustav, durante il secondo conflitto mondiale subì oltre ai numerosi eccidi anche pesanti bombardamenti da parte degli alleati. La bomba inesplosa, forse un proiettile di mortaio da 120 millimetri di calibro e lunga una quarantina di centimetri, si trovava a pochi metri dalle rotaie. Non è stato necessario interrompere la circolazione ferroviaria ma si attende, per oggi l’intervento degli artificieri dell’esercito. Con ogni probabilità l’ordigno sarà allontanato dal punto del ritrovamento prima di essere fatto esplodere.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia