Le statistiche dicono che il numero di episodi criminali registrati a bordo dei treni italiani è in calo, con la sola eccezione delle aggressioni a danno di controllori e capitreno.

La ragione di queste statistiche, i cui dati restano tuttavia molto distanti dalla percezione di tanti viaggiatori, starebbe nell’insieme di misure di sicurezza adottate negli ultimi tempi, come telecamere, monitor, filtri alle stazioni, agenti sui treni, carrozze consigliate.

Dice il direttore del centro di protezione aziendale del Gruppo FS Italiane Franco Fiumara: “Dall’anno scorso la metà dei treni in servizio lungo le tratte regionali sono dotati di impianti di videosorveglianza a bordo e un quarto di questi anche di un sistema di monitor che permette ai passeggeri e al personale di vedere in tempo reale cosa accade in tutte le carrozze. E quelle stesse immagini vengono trasmesse via Internet alle sale operative della polizia. Siamo gli unici in Europa ad avere questa misura di sicurezza a livello regionale”.

A rendere necessarie tante precauzioni, è stato l’allarme suscitato da alcuni episodi che hanno spaventato gli utenti dei treni, soprattutto su alcune linee.

Ogni regione ha stilato una propria black list dei treni e delle fasce orarie considerate a rischio: dalla Roma-Nettuno alla Torino-Cuneo, dalla Milano-Mantova alla Napoli-Sapri, dalla Rovigo-Venezia alla Modena Rimini. Liste che sono in continuo aggiornamento proprio per effetto delle misure di sicurezza messe in campo. Il sistema di prevenzione parte già dalle stazioni, dove i filtri ai varchi di accesso dovrebbero servire a ridurre la presenza di soggetti pericolosi o molesti sui treni, anche grazie alla maggiore presenza della polizia.

Da qualche mese, in Lombardia, dopo i recenti episodi di violenza - aggressioni a colpi di machete e di martello - la carrozza al centro del treno dei convogli Trenord, ha preso l’appellativo di “Safe & quiet”.

Trenord, ha infatti stipulato una convenzione con la polizia, e l’arruolamento di vigilantes privati che accompagnano i controllori, oltre a filtri alle stazioni e all’entrata in servizio di nuovi convogli monopiano dotati di telecamere e interfono in viva voce.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia