Dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso 11 dicembre del tunnel di Base del Gottardo, l’attenzione è rivolta alla seconda galleria del progetto AlpTransit, il tunnel del Ceneri che collegando Bellinzona a Lugano, costituisce la seconda grande opera prevista dalla Svizzera nell'ambito della nuova ferrovia transalpina. Il lotto, del valore complessivo di 90 milioni di Euro è stato affidato a Gcf - Generale costruzioni ferroviarie Spa, ditta italiana ed eccellenza nel settore dell’armamento, dell’elettrificazione e del segnalamento ferroviario.

La società ha avviato in questi giorni le opere preliminari. «A Camorino, nei pressi del Portale Nord di Vigana, stiamo costruendo il piazzale d'installazione - spiegano i tecnici dell’impresa italiana - una vera e propria base logistica per la movimentazione merci, con officine, magazzini e aree di stoccaggio, oltreché uno stabilimento per il pre-montaggio dei componenti d'armamento, una centrale di betonaggio e un posto di controllo/comando per monitorare il traffico di cantiere. La tecnica ferroviaria made in Italy è apprezzata in tutta Europa. Sapremo onorare queste aspettative».

I lavori di armamento della galleria di base del Ceneri e delle nuove tratte a cielo aperto a Nord inizieranno a luglio 2017 e saranno completati entro un anno, procedendo dal portale Nord di Vigana a quello Sud di Vezia, per terminare poi con l'armamento delle linee a cielo aperto sui due viadotti e sulla bretella di collegamento Lugano-Locarno.

Per essere completamente operativa, la ferrovia transalpina del Gottardo attende l'ultimazione della galleria del Ceneri e l'adeguamento dell'Italia al progetto con il Terzo valico dei Giovi Genova-Milano, che permetterà il pieno funzionamento del corridoio ad alta velocità Genova-Rotterdam, verso l'Europa del Nord da un lato e i porti del Mediterraneo dall'altro.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia