La stazione di Bologna centrale, è una delle più importanti stazioni italiane, per dimensioni e volume di traffico viaggiatori. La sua posizione ne fa il punto di convergenza di molteplici linee dell'Italia Settentrionale, che vi trovano proseguimento lungo la linea appenninica per Firenze e Roma e la linea adriatica per Ancona, Pescara, Bari e Lecce.Contende a Roma Termini il primato per numero di treni giornalieri in transito.

Nel 2013 sono stati eseguiti dei lavori di ammodernamento nella vecchia stazione, e sono stati attivati 4 binari dedicati all'Alta Velocità nella nuova stazione sotterranea. Da subito però la nuova stazione ha ricevuto numerose critiche a causa dei ritardi nella realizzazione del progetto, della pioggia che cola nei sottopassi già pochi giorni dopo l’inaugurazione, del tetto troppo basso del parcheggio Kiss & Ride.  Gli stessi viaggiatori si sono poi lamentati per le difficoltà di orientamento. Adesso però, è lo stesso amministratore delegato e direttore generale di RFI, Maurizio Gentile, a evidenziare i defetti della nuova stazione dell’Alta Velocità di Bologna.

“È un esempio critico, non appetibile dal punto di vista commerciale, tanto da metterne a rischio i costi di gestione e con difficoltà logistiche”, dice Gentile a proposito del terminal bolognese in una delle risposte inviate a Dario Nardella, sindaco di Firenze, in merito al nodo ferroviario fiorentino. È proprio dal carteggio tra i due che si evincono altre informazioni non proprio positive, sulla stazione AV di Bologna.

Scrive infatti Gentile: “L’esperienza di stazioni dedicate all’AV ha evidenziato che, a fronte di grandissimi spazi necessari, la frequentazione dei passeggeri è molto bassa, essendo limitata ai soli clienti dell’Alta Velocità” e aggiunge che “La bassa frequentazione rende non appetibile la commercializzazione dei servizi accessori che i clienti comunque si aspettano, come bar, ristoranti e giornali con l’insoddisfazione dei viaggiatori e la mancata copertura di una quota accettabile dei costi di gestione. Esempi critici sono la stazione AV di Bologna, ma anche Roma Tiburtina o Torino Porta Susa”. Gentile, mette poi in evidenza le difficoltà dei viaggiatori nel muoversi tra il vecchio terminal e quello nuovo e sotterraneo. “Un elemento da considerare è la possibilità di interscambio tra il trasporto locale e la lunga percorrenza. L’esperienza di Bologna, dove i percorsi di collegamento sono peraltro brevi, ha fatto emergere molte critiche sul fatto che l’interscambio non è giudicato ottimale”.

Tutte queste considerazioni dovrebbero essere lo spunto per una seria riflessione, dal momento che, con i suoi 530 milioni di euro di costo, un vano sotterraneo lungo 640 metri e profondo 23 metri, la stazione AV era stata inaugurata nel giugno 2013 con grandi aspettative. Ma evidentemente, a distanza di tre anni, così non è stato.

Sono serviti 8 anni di lavori per completarla, a fronte dei 4 previsti, e solo nel febbraio 2015 con l’apertura del Kiss & Ride alle auto private si è realmente conclusa la costruzione del terminal, che non ha nemmeno mai visto l’ombra del progetto futuristico e luminoso dell’archistar giapponese Arata Isozaki.

Sono invece presto emersi tutti i limiti e i difetti; dapprima le infiltrazioni d’acqua nei sottopassi, in seguito le lamentele dei viaggiatori che non riuscivano a orientarsi e alle quali è stata data risposta aumentando la segnaletica. E poi il problema del Kiss & Ride. Chiuso inizialmente dai vigili del fuoco perché privo dei requisiti di agibilità a causa del tetto troppo basso, è a tutt’oggi quasi sempre vuoto e poco utilizzato. Sono inoltre numerosi gli spazi commerciali rimasti vuoti. Un terminal «poco appetibile» come lo definisce la stessa RFI.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia