E' stata inaugurata questa mattina a Lucignano, lungo la linea TFT che unisce Arezzo a Sinalunga, la nuova sede della SVI, azienda specializzata nella costruzione di mezzi d’opera per la realizzazione e la manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria.

“Oltre 15 milioni di investimento e un programma di sviluppo aziendale che ha portato 13 assunzioni nell’ultimo anno ed altre ne porterà, se verrà rispettata la volontà dell’azienda di passare a 120 dipendenti, dagli attuali 84, nei prossimi due anni”, questo nel dettaglio il piano aziendale della SVI, spiegato in una nota dalla Regione Toscana.

Al taglio del nastro erano presenti l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli insieme al sindaco di Lucignano Roberta Casini.

“Una volta completato  – si legge nel sito di SVI – il nuovo stabilimento di Lucignano diventerà il più grande sito produttivo per la costruzione di mezzi d’opera ferroviari necessari per la costruzione e manutenzione della infrastruttura ferroviaria“.

SVI è nata nel 1999 per volere di Ivano Sambuchi e Mauro Vannoni con l’obiettivo di sviluppare una società specializzata nella costruzione di mezzi d’opera ferroviari. L'azienda, caratterizzata da un marcato dinamismo ed un ottimo rapporto qualità-prezzo, si è affermata sul mercato nazionale dei mezzi d’opera ferroviari inerenti la costruzione e la manutenzione delle linee aeree di trazione elettrica ferroviaria e negli ultimi anni è andata alla conquista dei mercati del bacino del Mediterraneo, nell’est Europeo, nell’America Latina e nell’area del Magreb.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia