Stando alle previsioni di Gianni Vittorio Armani, presidente di ANAS, la fusione per incorporazione potrebbe avvenire già entro la metà del 2017.  

L'operazione è inserita nel Piano Industriale di FS, presentato a Roma lo scorso 28 settembre, ma non in quello di ANAS, elaborato a prescindere dalla possibile fusione.

ANAS che al momento è interamente di proprietà del Tesoro, si è data come obiettivo l'autonomia finanziaria dallo Stato. Raggiunta tale autonomia sarà possibile procedere con il conferimento a Ferrovie dello Stato.

Secondo Armani, tuttavia, non bisogna perdere tempo: “I tempi indicati sono realistici, correndo”, ha affermato il presidente ANAS, a margine del Meeting mondiale sulla sicurezza stradale, organizzato a Roma.

In attesa che l'ingresso in FS venga ultimato, le due società stanno già lavorando insieme all'estero in Iran e stanno preparando lo sbarco in Sud America.

La fusione, secondo Armani, porterà benefici anche per la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina, opera appena rilanciata dal premier Matteo Renzi. Lavorare in sinergia, comporterebbe infatti una notevole riduzione dei costi stimati.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia