Il nuovo treno di Hitachi Real Italy (ex AnsaldoBreda), Caravaggio per il trasporto regionale italiano ordinato da Trenitalia, guarda anche all’estero. Il primo Paese interessato è Israele, che a breve lancerà una gara per l’acquisto di nuovi treni, alla quale prenderà parte anche Hitachi. «L’ambizione - dice Maurizio Manfellotto, Ceo di HRI, al telefono dalla Germania con Il Sole 24 Ore - è portare Caravaggio anche in altri Paesi europei. Questo treno è stato pensato e progettato con criteri di flessibilità per adattarlo alle esigenze di una pluralità di committenti». Ci sono quindi buone prospettive per gli stabilimenti italiani di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria - che dalla commessa a Trenitalia (300 treni, per un valore complessivo di 2,6 miliardi) ricaveranno guadagni per i prossimi anni.

Manfellotto partecipa a Innotrans, a Berlino e Caravaggio, che fa bella mostra di sé nello stand Hitachi con un modello in scala 1:45, attira gli sguardi dei tanti visitatori. «Tra 32 mesi - spiega Manfellotto - ci sarà l'omologazione del nuovo treno e tra due anni porteremo quello vero qui a Innotrans».

È già stabilito che i primi 39 Caravaggio entreranno in servizio in Emilia Romagna. «Mano e mano che Trenitalia rinnoverà i contratti di servizio con le varie regioni - spiega Manfellotto - scatteranno le nuove commesse. Al momento le regioni più vicine all’all’accordo con le FS sono Veneto, Toscana, Lazio e Campania». Manfellotto rivendica con forza l’italianità del progetto Caravaggio. «Siamo gli unici costruttori di treni - ribadisce il Ceo di HRI - a garantire un prodotto interamente made in Italy. Siamo già al lavoro con una squadra di oltre 300 persone per realizzare quello che, dopo il nostro Frecciarossa 1000, diventerà un altro simbolo del made in Italy ferroviario».

«Questa nuova aggiudicazione conferma l'elevato livello qualitativo di Hitachi – aggiunge Alistair Dormer, Global Ceo di Hitachi Rail, anche lui a Innotrans – e sono orgoglioso della squadra italiana. Caravaggio diventerà un'icona del trasporto regionale». Aspettativa di tutti è che questo nuovo treno, che potrà raggiungere una velocità di 160 Km/h, consenta la creazione di nuovi posti di lavoro. Osserva Manfellotto: «Assunzioni negli stabilimenti italiani? Quando un’azienda cresce l’obiettivo è dotarsi di risorse. Il mio sogno è di aumentare le risorse».

Hitachi Rail Italy è molto attenta alle prospettive che si aprono in tutto il mondo, tanto per i treni che per le metropolitane e i tram. Al momento le aree di maggior interesse per l’azienda sono gli Stati Uniti, il Medio Oriente e il Sud Est asiatico.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia