Secondo il Consiglio dell’Autorità di regolazione dei trasporti Trenitalia Trenord hanno violato i diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario in base al decreto sulla “Disciplina sanzionatoria per le violazioni delle disposizioni del Regolamento (CE) relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario”. Nello specifico le due compagnie non avrebbero fornito né informazioni né pasti, come previsto nei casi in cui il treno è in forte ritardo, e per queste ragioni saranno multate.    

Per Trenord le sanzioni pecuniarie sono due, entrambe da 10mila euro; mentre per Trenitalia la sanzione è di 5mila euro.

In merito alla società Trenord, le multe in questione riguardano la violazione della norma in base alla quale "in caso di ritardo all'arrivo o alla partenza, l'impresa ferroviaria o il gestore della stazione informa i passeggeri della situazione e dell'orario previsto di partenza e di arrivo non appena tale informazione è disponibile" e che "in caso di ritardo come previsto al paragrafo 1 di oltre 60 minuti, i passeggeri ricevono inoltre gratuitamente pasti e bevande in quantità ragionevole in funzione dei tempi di attesa, se sono disponibili sul treno o nella stazione o possono essere ragionevolmente forniti". Nel dettaglio, il caso fa riferimento ai viaggiatori di un convoglio interregionale Trenord che partito da Verona e diretto a Milano, ha portato un ritardo di 245 minuti.

La sanzione nei confronti di Trenitalia, invece, riguarda l’inadempienza della norma sull'assistenza in caso di ritardi del treno. Il caso preso in esame è quello dei viaggiatori di un Intercity notte Messina-Napoli, in forte ritardo, a bordo del quale non è stata allestita la dovuta assistenza ai passeggeri.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia