Nella giornata di ieri l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, ha visitato lo stabilimento Hitachi di Pistoia per visionare il primo dei 176 nuovi treni acquistati da Regione Lombardia con un investimento di 1,6 miliardi di euro.

Il treno ad alta capacità, di tipo Caravaggio, sarà consegnato a novembre per poi entrare in esercizio all’inizio del prossimo anno, al termine dei tempi tecnici necessari per le autorizzazioni e la formazione del personale. Il primo Caravaggio uscirà dallo stabilimento nei prossimi giorni (forse già il 14 ottobre ndr) per effettuare le prove di viaggio.

“Oggi è la giornata della svolta – ha spiegato Terzi – perché tocchiamo con mano quello che sarà il futuro dei trasporti su ferro della Regione Lombardia. Una Lombardia in movimento, con tutte le attenzioni che meritano i nostri utenti e pendolari”.

“Il Caravaggio è un treno molto moderno, efficiente e particolarmente confortevole, penso all’ampio spazio tra i sedili. Inoltre la visione unica del convoglio, non suddiviso in scompartimenti, offre maggiori garanzie di sicurezza unitamente ai sistemi di videosorveglianza presenti in in ogni carrozza”.

“Grande attenzione anche per per le persone a ridotta mobilità o gli ipovedenti con posti confortevoli a loro riservati. Medesima attenzione è stata riservata alle mamme con bambini piccoli e a chi decide di praticare la mobilità sostenibile fino in fondo, penso agli spazi per le bici o per la ricarica di quelle elettriche”.

“I nuovi treni offriranno tante novità che cambieranno la vita dei nostri pendolari. Contemporaneamente continuiamo a lavorare per migliorare e di efficientare il servizio. La pazienza dei pendolari verrà ricambiata e la Lombardia progressivamente arriverà ad avere un trasporto ferroviario all’altezza dei lombardi”.

Caratteristiche dei nuovi treni Caravaggio:

• illuminazione LED, Wi-Fi, sistema informazione ai passeggeri, teleindicatori laterali e frontali, telediagnostica da remoto, videosorveglianza;
• presenza di prese USB 5 V per la ricarica dei dispositivi elettronici in aggiunta alle normali prese elettriche 230 V;
• pedane mobili per garantire completa accessibilità delle persone a ridotta mobilità (PRM);
• ambiente unico percorribile nella sua interezza, senza porte né setti divisori;
• aree polifunzionali per lo stazionamento bici e passeggini e possibilità di ricaricare le bici elettriche;
• bagno compatibile PRM e dotato di attrezzature per gestire i bambini più piccoli;
• finestrini ampi, sedili disposti vis a vis con passo ampio, tutti rivestiti in tessuto (non in similpelle);
• sistema di sicurezza della circolazione unificato europeo ERTMS.
• riduzione del 30% dei consumi di energia elettrica (a passeggero*km rispetto alla generazione precedente dei treni a due piani, modello TSR);
• misuratore di energia con appositi contatori, utile anche a fini di diagnostica e manutenzione;
• riduzione della rumorosità, recupero di energia elettrica in frenatura, utilizzo di materiali innovativi che permettono la riduzione del peso ed elevati tassi di riutilizzabilità (96%) e biodegradabilità (95%);
• architettura innovativa degli interni, che, grazie alle scale poste sopra le aree carrello, consentono un incremento significativo della capacità di trasporto;
• sistema climatizzazione che, tramite sensore di CO2, si autoregola in funzione del reale numero dei passeggeri.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia