Sono oltre 28 mila i ticket ferroviari per cani di media e grossa taglia, venduti dall’ inizio dell’estate. Di questi, solo 15 mila sono stati staccati da inizio agosto. E’ quanto riportato in un comunicato nel quale Trenitalia esprime soddisfazione per il successo dell'iniziativa di quest'estate riservata ai proprietari di cani di dimensioni che eccedono quelle che consentirebbero loro di viaggiare nell'apposito "gabbiotto" senza prezzo di biglietto.

Quest'anno, infatti, "anche per contrastare il fenomeno degli abbandoni estivi”, Trenitalia ha offerto ai proprietari dei cani che non possono essere ospitati in trasportini di misure 70x30x50 un ticket simbolico di 5 euro, a prescindere dalla distanza coperta. Una proposta sicuramente vantaggiosa rispetto alla tariffa standard, che prevede un prezzo pari alla metà del corrispettivo biglietto pagato dal proprietario.

I cani di piccola taglia (oltre a gatti e ad altri animali che comunque possono essere ospitati nei trasportini) sono ammessi su qualunque treno, in prima e in seconda classe, oltreché nelle classi Executive, Business, Premium e Standard dell'Alta Velocità.

 

I cani di dimensioni medie e grandi possono viaggiare, purché portati al guinzaglio e muniti di museruola su Intercity ed Intercity Notte (IC e ICN) sia in prima che in seconda classe; sui treni Frecciabianca, Frecciarossa e Frecciargento, in prima e seconda classe e nei livelli di servizio Business e Standard (esclusi il livello di servizio Executive, Premium, l’Area del silenzio e i salottini); sui treni Regionali nel vestibolo o piattaforma dell’ultima carrozza, con esclusione dell’orario dalle 7 alle 9 del mattino dei giorni feriali dal lunedì al venerdì; nelle carrozze letto, nelle carrozze cuccette e nelle vetture Excelsior, per compartimenti acquistati per intero. In entrambi i casi, è ammesso un numero massimo di un animale per viaggiatore.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia