È necessario un nuovo ponte ferroviario e carrabile in grado di sostituire il Ponte San Michele, candidato a diventare patrimonio Unesco.

La richiesta arriva attraverso una mozione approvata lunedì all'unanimità, da tutti i consiglieri comunali di Calusco. La necessità di un nuovo ponte che colleghi la sponda lecchese con quella bergamasca dell’Adda, si è palesata anche in seguito alla chiusura il 14 settembre 2018 del Ponte San Michele al traffico veicolare e ferroviario.

Lo scorso 8 novembre, il ponte è stato riaperto alle auto (per i treni si dovrà aspettare settembre 2020) e anche in quell'occasione, alla presenza dell’Ad di RFI Maurizio Gentile e del ministro delle infrastrutture Paola De Micheli, si era tornati a ribadire l’urgenza di un nuovo collegamento che potesse meglio rispondere alle esigenze del territorio.

I consiglieri di Calusco, sempre più convinti della necessità di non dover fare calare l’attenzione sul tema, hanno portato in discussione in Consiglio comunale una mozione che verrà inviata all'attenzione di RFI, Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, Regione Lombardia e alle Province di Bergamo, Lecco, Monza e Brianza e alla Città Metropolitana di Milano.

Nel documento si chiede che sia riconosciuta “prioritaria la costruzione di un nuovo ponte ferroviario a doppio binario e carrabile a doppio senso di marcia lungo la direttrice Carnate-Calusco-Bergamo, pertanto prevedendo, nella soluzione di nuova realizzazione, che l’attraversamento dell’Adda tra Calusco e Paderno sia, compatibilmente con l’ambiente naturalistico circostante, adeguato ai flussi di traffico esistenti e futuri”.

Richiesta corredata da precise indicazioni, come quella di coinvolgere le comunità coinvolte, prevedendo inoltre “preventivamente un approfondito studio del traffico” oltre a interventi di mitigazione, finalizzati a evitare ricadute negative sulla mobilità locale dei Comuni più direttamente interessati.

Secondo i promotori della mozione è necessario istituire un “tavolo tecnico – politico a livello regionale con la presenza dei sindaci di Calusco dAdda e Paderno dAdda in rappresentanza delle istituzioni locali, in modo da poter arrivare al più presto a una progettazione condivisa".

Nel documento si ribadisce anche l’importanza di garantire la costante manutenzione del Ponte San Michele - costruito 130 anni fa -  al fine di consentirne la totale fruibilità. “Speriamo che queste nostre istanze vengano accolte e che ci sia, finalmente, un primo passo verso la realizzazione del nuovo ponte sull'Adda” conclude a nome dell’intero consiglio comunale l’assessore ai lavori pubblici e alla viabilità del Comune di Calusco, nonché consigliere provinciale Massimo Cocchi.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.