Da calendario la new company doveva essere presentata il 31 marzo. La realtà è diversa: l'accordo non sarà firmato entro questo mese.

Come riporta Il Giorno, l'ad di Fs, Gianfranco Battisti andrà in questi giorni a trattare col suo pari livello di Delta, Ed Bastian.
Delta e EasyJet, ricordiamo, sono due possibili partner di Alitalia, che insieme a Ferrovie dovrebbero creare la "new company" per sistemare i conti scalcinati della nostra compagnia di bandiera.

Delta intenderebbe investire subito 150 milioni: pochi, perchè corrispondono a un massimo del 15% del capitale di New Alitalia.
EasyJet investirebbe più o meno la stessa cifra (ma solo nei voli a corto raggio).

Condizioni che hanno fatto storcere il naso ad Alitalia, che si aspettava ben altri investimenti.

Insomma, mancherebbe almeno altri 200 milioni per sperare in un buon esito dell'operazione.

Sul quotidiano in questione si vocifera una nuova pista, ovvero Poste Italiane, che potrebbe tornare a collaborare con Alitalia dopo il primo accordo del 2014.

Intanto i sindacati hanno proclamato per il 25 marzo uno sciopero del trasporto aereo.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.