Si prospettano 90 giorni difficili quelli compresi tra il 27 luglio e il 27 ottobre del prossimo anno.

Non solo perché coincidono almeno in parte con il periodo più trafficato dell’anno per il trasporto aereo, ma anche perché saranno i giorni in cui lo scalo di Linate verrà chiuso per consentire i lavori di rifacimento della pista.

Stando alle prime stime, come riporta Il Corriere della Sera, saranno trentamila i voli che dovranno essere trasferiti per un totale di circa due milioni di passeggeri. Numeri notevoli che stanno imponendo un’accelerata alla macchina organizzativa per fare in modo che tutto funzioni al meglio.

Lo scalo in cui verranno dirottati i voli è quello di Malpensa e per questo motivo si sta valutando un aumento dei collegamenti tra la città di Milano e l’aeroporto. Al momento tutti sembrano concordi sul passaggio a frequenze ogni 15 minuti, anche se Trenord sarebbe più propensa a usare la stazione di Cadorna invece di quella di Milano Centrale

Per quanto riguarda le compagnie easyJet ha già fatto sapere che sposterà tutti i voli da Linate su Mxp e non sono previsti tagli così come per Air Italy. Più complessa, invece, a causa del volume di collegamenti, la questione di Alitalia: allo stato attuale le soluzioni più probabili saranno gli accorpamenti e l’utilizzo di velivoli più grandi.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.