Secondo il sindacato belga la compagnia aerea Ryanair utilizzerà personale proveniente da Germania e Polonia per sostituire gli assistenti che aderiranno allo sciopero i prossimi mercoledì e giovedì in Belgio, ma anche in Spagna e Portogallo.

Le accuse arrivano dalla sigla sindacale belga CNE, che s’interroga sulla legalità del provvedimento e in particolare sul rispetto dei tempi di volo. Il sindacato chiede quindi alle autorità del Belgio di verificare che le regole siano rispettate, ma lamenta di non aver ricevuto alcuna risposta dalle autorità competenti allertate (Fps Mobility, Fps occupazione, Ispettorato del lavoro ed Easa), mentre "in Spagna e Portogallo, hanno già annunciato che controlleranno da vicino le azioni di Ryanair durante gli scioperi".

La tensione interna arriva proprio quando la compagnia pubblica conti piuttosto preoccupanti che evidenziano un crollo degli utili del 22% nel secondo trimestre. Il drastico calo dei profitti è dovuto da un lato al rincaro del prezzo del petrolio verificatosi negli ultimi mesi, dall’altro all’aumento dei salari del personale per alleviare le tensioni sociali scoppiate l’estate scorsa.

L’articolo integrale è disponibile sull’edizione on line de la Repubblica.it.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.