L'operatore ferroviario nazionale ungherese MÁV-Start sta pianificando di ordinare altre due EMU a doppio piano Kiss da Stadler, oltre ai 19 treni già in ordine.

MÁV-Start ha firmato un contratto quadro con Stadler ad aprile 2017 per un massimo di 40 set Kiss con un ordine iniziale di 11 treni. Altri otto set sono stati ordinati nell'agosto 2018. I treni della prima fornitura entreranno in servizio all'inizio del 2020.

Il contratto quadro originale prevedeva che MÁV-Start pagasse in anticipo il 10% del prezzo di acquisto per ulteriori ordini. Tuttavia, MÁV-Start e Stadler hanno ora modificato i termini del contratto quadro e il pagamento anticipato non sarà necessario per i restanti 21 treni. 
Ciò consentirà a MÁV-Start di cercare finanziamenti per i restanti treni dal bilancio 2021-2027 dell'Unione europea.

MÁV-Start sta anche cercando di acquistare 10 automotrici dual-mode con un'opzione per altre sei. Inizialmente verrebbero utilizzate sulla linea Budapest - Tapolca, che nei prossimi due anni sarà elettrificata fino a Balatonfüred.

È prevista la possibilità di estendere l'elettrificazione oltre Balatonfüred da Tapolca a Keszthely, ma non è stato ancora reso disponibile alcun finanziamento. I treni dual-mode sono pertanto considerati un'opzione percorribile per la sostituzione dei treni attualmente trainati da locomotive.

Questi potrebbero essere finanziati utilizzando la cosiddetta quota di biossido di carbonio che il governo potrebbe assegnare per il finanziamento di progetti rispettosi dell'ambiente.

Qualora la linea fosse elettrificata oltre Balatonfüred, le Automotrici dual-mode saranno trasferite su altre linee dove è necessario un cambio di locomotiva o un cambio di treni (come Budapest - Debrecen - Mátészalka, Budapest - Hatvan - Salgótarján, Budapest - Békéscsaba - Gyula).

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia