"E alla stazione successiva molta più gente di quando partiva, chi mandò un bacio, chi gettò un fiore, chi si prenota per due ore".

Cantava così, il compianto Fabrizio De André, e pur essendo appassionati di treni pensiamo che quella folla potesse avere un senso per l'arrivo della sua "Bocca di Rosa", un po' meno, probabilmente, per il primo Frecciarossa.

Fatto sta che ieri la comparsa del primo ETR 400 nella stazione di Chiusi è stata attesa da oltre 500 persone con in testa il sindaco Juri Bettollini, visibilmente emozionato, le altre autorità istituzionali e la Filarmonica Città di Chiusi, che ha intonato un inno composto appositamente.

I pochi minuti in cui il Frecciarossa 9570 ha sostato in stazione, sono stati attimi di vera e propria festa sia per le tante persone che hanno atteso sulla banchina del binario sia per i passeggeri del treno, increduli nel vedere la tanta gioia che li ha accolti nell'impianto toscano.

Tutto qui? Nemmeno per sogno. La festa è proseguita in Piazza Dante, di fronte alla stazione, dove sono intervenute le autorità istituzionali presenti. 

A convincere Trenitalia ad aggiungere la fermata di Chiusi è stato un grande progetto turistico/territoriale che sarà oggetto di una prossima conferenza stampa nazionale. Per ora è possibile acquistare il biglietto del Frecciarossa 9570 dal sito di Trenitalia e raggiungere le più grandi, importanti e belle città italiane.

Il tutto sperando che lo facciano soprattutto gli abitanti di Chiusi e dintorni. Altrimenti si può dire addio all'amore sacro e a quello profano.

Con buona pace del Faber.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia