Mercitalia Rail sta investendo molto per rinnovare la propria flotta e operare con maggiore competitività sul mercato.

Il punto sulla società viene fatto da Gian Paolo Gotelli, AD della compagnia ferroviaria.

L'intervista rilasciata a Euromerci, il mensile della logistica, è molto interessante e vi invitiamo a leggerla, limitandoci ad estrapolarne i temi principali.

Il primo, ovviamente, è quello delle nuove locomotive. Gotelli conferma che Mercitalia Rail e TX Logistik riceveranno 120 locomotive di ultimissima generazione. "Mercitalia Rail ne ha ordinate 40 con opzione per ulteriori 20 e lo stesso ha fatto TX Logistik. Il completamento della fornitura è previsto per ottobre di quest’anno. Le locomotive ordinate da TX Logistik, invece, saranno multisistema e verranno utilizzate nei principali Paesi europei".

Esse "in parte andranno a sostituire le nostre macchine più vecchie, quelle che non assicurano più adeguati livelli prestazionali e sufficiente affidabilità, e in parte potenzieranno la nostra flotta".

Ma la novità è che non si parla solo di locomotive elettriche. Dice l'AD: "Stiamo anche potenziando la nostra flotta delle locomotive Diesel, acquistandone di nuove, che ci verranno consegnate a partire dalla fine di quest’anno".

La flotta si rinnoverà anche con il ricambio generazionale dei carri. "Abbiamo già ricevuto i 240 nuovi carri specializzati per il trasporto dei coils (rotoli di lamiera). Offrono la maggior capacità di carico tra i carri oggi esistenti in Europa e sono tecnologicamente sofisticati: sono infatti dotati di sensori elettronici che permettono di rilevare i parametri di funzionamento dei carri quali, ad esempio, il peso trasportato, la posizione geografica durante il viaggio, il chilometraggio effettuato, il funzionamento del sistema frenante, la temperatura dei componenti più sensibili del carro. Il tutto nell’ottica di un monitoraggio costante dell’efficienza operativa e della sicurezza di esercizio".

Mercitalia Rail decide però di investire anche nell'Information Technology, sempre più importante nel mondo moderno.

"Quello ferroviario merci è un settore non ad alta marginalità e investire in ricerca e sviluppo non è facile. Ma in Mercitalia Rail ci vogliamo invece distinguere in questo e abbiamo deciso di investire in IT, al punto di passare dal carro intelligente al treno intelligente, arrivando a connettere i singoli carri che compongono un treno con la locomotiva che li traziona per fornire informazioni sullo stato del convoglio non solo alla centrale operativa, ma anche ai macchinisti".

Nel raggio di operazione della compagnia non poteva mancare una domanda sul servizio Mercitalia Fast, per il quale c'è grande soddisfazione. "Nei primi quattro mesi di servizio, da novembre a febbraio, il 96% dei treni è arrivato perfettamente puntuale; il 4% con un ritardo massimo di 30 minuti. Sono saliti a bordo importanti operatori del food, del beverage e dell’elettronica. Stiamo riscontrando ulteriori adesioni. Quindi direi proprio che c’è fiducia verso questo nuovo prodotto".

Un ultimo accenno viene poi fatto all'infrastruttura, sempre più importante per offrire un buon servizio. "Rete Ferroviaria Italiana sta adeguando il modulo ferroviario per soddisfare la crescenti esigenze del trasporto merci: entro qualche anno, su tutte le principali linee ferroviarie italiane, sarà possibile effettuare treni più pesanti e più lunghi degli attuali.
In particolare, in Lombardia, saranno presto operativi treni con una lunghezza di 750 metri, in linea con gli standard europei. Ovviamente anche i nostri nuovi terminal di Milano e Brescia saranno adeguati con binari lunghi 750 metri per poter accogliere questi nuovi treni".

L'articolo integrale è disponibile cliccando qui.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia