Pubblichiamo di seguito la nota del Comitato Cittadino Aeroporto di Crotone, che ha lanciato una petizione online per il ripristino dei treni nella tratta Crotone-Milano.

C’era una volta il treno…

“Quello che nel buio della notte ti portava da Crotone a Milano. C’era una volta la possibilità almeno di poter scegliere come lasciare Crotone e partire per terre straniere, ma qui il passato peggiore sembra sempre tornare e quelle misere infrastrutture, che però c’erano, sono state smantellate nei meccanismi di un’economia che privatizza e priva un intero territorio dei suoi beni, isolando migliaia di cittadini.

L’aeroporto di Crotone cosi come la ferrovia, il porto e la statale erano 20 anni fa realtà con le quali i nostri emigranti, i nostri studenti, i nostri malati, ossia tutti i cittadini potevano ritornare a casa con pochissimi disagi, Al tempo stesso anche questo antico lembo d’Europa era facilmente accessibile ai turisti. L’incapacità e cecità politica del passato ha distrutto gran parte del sistema sociale attivo del territorio crotonese; intere famiglie sono state divise.

Nel 2019 ci svegliamo come in un incubo incatenati nella nostra terra o impossibilitati a ritornarci agevolmente. Eppure, basterebbe poco: riattivare quelle infrastrutture presenti e lasciate abbandonate o sottoutilizzate. Altrove si parla di alta velocità e di un mondo sempre più connesso mentre a Crotone si viaggia con littorine dismesse dalle regioni del nord, mosse da motori diesel che ci rendono pendolari e non passeggeri! Basta andare nella stazione di Crotone e prender atto di come il nostro diritto alla mobilità si concretizza e strida sempre di più con i proclami fatti dall’attuale classe politica.

Perché i cittadini non possono riavere almeno il treno Crotone-Milano?

Quello che per decenni ci ha collegati al cuore pulsante dell’economia italiana passando per tantissime città italiane e permettendo ai cittadini di poter scegliere la propria strada da seguire senza dover rinunciare a vedere frequentemente i propri cari ed abbandonare la propria terra? La linea ferroviaria ionica nel tratto crotonese non è più percorsa neppure dai treni Swing annunciati solo pochi anni fa dall’attuale governo regionale in pompa magna!

La linea ferroviaria ionica è interrotta a Sibari e questo comporta per chi viaggia da Crotone il cambio su un pullman per andare a Taranto! Forse un giorno la linea ferroviaria ionica sarà ben diversa, moderna, elettrificata con le stazioni rimesse a nuovo ma la realtà che viviamo da anni è questa!

La classe politica ha pensato di sostituire il treno con i pullman ma per i cittadini non è la stessa cosa! Noi cittadini dovremmo esser liberi di scegliere come muoverci e non accontentarci dell’unica soluzione possibile, spesso penalizzante per chi ha raggiunto una certa età.

Abbiamo così elaborato una petizione per rivendicare il treno Crotone-Milano indirizzata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporto Toninelli affinché il diritto alla mobilità sia realmente garantito e non rimanga soltanto oggetto di proclami politici!”

Il comitato invita i cittadini a sottoscrive la petizione sulla piattaforma Change.org, all’indirizzo: https://www.change.org/p/crotone-milano-c-era-una-volta-il-treno o di richiedere tramite i loro canali social i moduli cartacei. “Vogliamo raccogliere un coro di voci affinché i nostri diritti non vengano nuovamente ignorati!”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia