I dati relativi alle aggressioni subite dal personale, e i numerosi furti di cui sono vittime i passeggeri, hanno riportato prepotentemente alla ribalta il tema della sicurezza sui treni.

Gli strumenti attuati fino ora, telecamere e vigilantes, seppure hanno dato qualche risultato, non sono però riusciti a eliminare completamente il problema.
Ora arriva dal Piemonte una singolare proposta destinata quantomeno a far discutere: il Daspo per chi compie reati sui convogli.

A proporre il provvedimento è stata la consigliera regionale dei Moderati Maria Carla Chiapello, con un’interrogazione in aula all’assessore ai Trasporti.

“È necessario che la Regione si attivi nelle sedi opportune per far sì che i controlli, soprattutto sui convogli della linea Torino-Cuneo, siano incrementati in occasione dei ponti di primavera, delle festività pasquali e durante il periodo estivo – spiega Chiapello -. Ma non basta. Come misura eccezionale per contrastare un fenomeno crescente, propongo, inoltre, un Daspo ferroviario per chi ha commesso reati contro le persone o il patrimonio nelle stazioni o sui treni”.

Segnali di apertura dell’assessore che ha assicurato l’attivazione, dall’anno prossimo, di nuovi treni dotati di sofisticati sistemi di videosorveglianza e in più l’apertura a breve di un posto operativo della Polfer nella stazione di Fossano.

“Bisogna innanzitutto intensificare i controlli - insiste la consigliera -. In ambienti chiusi e poco sorvegliati, come quelli delle carrozze, è ovvio che chi compie un reato si sente protetto e crede di poter contare sulla quasi certezza dell’impunità.
Il Daspo è senza alcun dubbio un’utile misura di prevenzione”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia