La consegna dei 116 nuovi Pop di Alstom per Trenitalia procede più a rilento del previsto.

Il motivo sarebbe da addebitarsi a due importanti fornitori esterni che avrebbero dovuto consegnare pavimenti e arredi esterni dei nuovi treni regionali e sarebbero in ritardo, nulla dunque di imputabili al lavoro all’interno dello stabilimento di via Ottavio Moreno.

“Ad oggi la commessa dovrebbe essere all’incirca intorno al 48° treno e invece siamo a meno di 20 convogli.” – rende noto Bruno Gosmar, segretario provinciale della Uilm – “Alstom si sta impegnando per ridurre i tempi con i fornitori e poter ultimare la commessa nei tempi prestabiliti. È interesse di tutti che questi ritardi, che non dipendono da Alstom, siano colmati”.

A pieno regime, le consegne dovrebbero essere di circa due convogli a settimana per un totale di 7 al mese. La preoccupazione dei sindacati è che questi ritardi possano avere delle ripercussioni sul premio di risultato che lo scorso anno ha toccato la soglia record di circa 3.600 euro.

“Con un po’ di flessibilità si potrebbe rientrare nei tempi previsti entro l’inizio del 2020.” - ha detto Gosmar.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia