Il Ministero dei Trasporti ha pubblicato online l’analisi costi-benefici e la connessa analisi giuridica per la linea AV Brescia-Verona-Padova.

L’opera nel segmento tra Brescia e Verona, costa quasi 3,5 miliardi per 45 chilometri complessivi (5,2 miliardi la tratta Verona-Padova).

Dicono dal ministero: “Come per il Terzo valico, siamo di fronte a una grande opera ereditata dal passato, mai rallentata dall’analisi costi-benefici, è bene precisarlo, e che comunque costa troppo fermare ma che si può decisamente migliorare in termini di sostenibilità ed efficienza”.

Fra i miglioramenti, il ministero rileva che dovranno essere rispettate le oltre 300 osservazioni che fanno capo al recente Osservatorio ambientale. Ma si punterà anche sul passaggio del sistema di alimentazione di trazione elettrica da 25 kV ca a 3 kV, per rendere la linea a quattro binari più flessibile nel suo utilizzo e quindi adatta pure per ai treni dei pendolari.

“Dunque, ci occupiamo e ci preoccupiamo, secondo una missione fondamentale del Mit, di rendere più efficiente il trasporto più spiccatamente regionale. E al tempo stesso vengono rivisti in senso migliorativo progetti faraonici e impattanti, ereditati dal passato, che non possono più essere bloccati” conclude il dicastero.

“Sul completamento dell’alta velocità Brescia-Verona-Vicenza-Padova ci aspettiamo in tempi brevi l’avvio dei lavori, senza ulteriori tentennamenti: dopo mesi di annunci e promesse, anche da parte del ministro Toninelli sulla fattibilità dell’opera, e dopo l’analisi costi-benefici da parte del ministero delle Infrastrutture a oggi dobbiamo però constatare come l’opera sia sparita dai radar”, hanno affermato i capigruppo della Lega in Senato Massimiliano Romeo e alla Camera Riccardo Molinari.

“Se ci sono intoppi di altro genere - continuano i capigruppo - vorremmo capire quali. Avevamo anche proposto, in sede di discussione in maggioranza sullo Sblocca Cantieri, di inserire l’opera tra quelle sottoposte a un commissario straordinario, proprio per dare un’accelerata, proposta che non è stata accolta dal Mit. Il completamento dell’AV Brescia-Padova è indispensabile per rendere operativo, entro il 2030, il corridoio internazionale Ten-T Reno-Alpi, un collegamento indispensabile per il traffico delle merci sulla dorsale Est-ovest del Paese e per migliaia di pendolari”.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia