Non erano attese novità e non ce ne sono state, anche perché non ce ne sarebbe stato più di tanto il motivo.

Questa mattina hanno regolarmente preso la via del demolitore le due E.444R che avevamo anticipato qualche giorno fa.

Da Milano sono state trasferite a Savona le E.444R.058 e .072, da tempo fuori servizio e ferme nel deposito meneghino. Incaricata della trazione è stata la E.402B.107 in livrea Intercity Giorno, coadiuvata da quattro vetture per aumentare la massa frenata.

Le foto di Marco Landone ci mostrano il transito del treno nella stazione di Pavia. Il passo successivo sarà come sempre l'invio a San Giuseppe di Cairo per lo smantellamento e quando questo accadrà il numero di macchine ancora esistenti scenderà a sole 60 unità su 113.

Nel frattempo, sempre nella giornata di oggi, anche Trenord ha inviato a demolizione materiale obsoleto.

In questo caso sono partite da Milano Certosa alla volta di Alessandria otto vetture tra Piano Ribassato, Medie Distanze e Due Piani, trainate dalla DE 520 016.

Per gli amanti dei numeri ecco l'elenco:

50 83 20-39 310-3 I-TN
50 83 20-39 672-6 I-TN
50 83 20-39 136-2 I-TN
50 83 20-39 041-4 I-TN
50 83 20-39 428-3 I-TN
50 83 21-79 863-1 I-TN
50 83 21-86 256-9 I-TN
50 83 26-39 863-5 I-TN

Lunedì scorso, intanto, è terminato lo spostamento di altre vetture destinate alla demolizione, quelle dell'incidente di Carnate. In questo caso, come noto, si tratta di carrozze a Piano Ribassato.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia