Da un lato si consegna, dall'altro, inevitabilmente, si demolisce.

Nei giorni scorsi altro materiale è partito per il taglio, elettrico e Diesel, di Trenitalia e di Trenord.

Da Catanzaro Lido sono andate a Villa San Giovanni Bolano tre ALn 668 della serie 1000 e precisamente le ALn 668.668.1041, 1043 e 1085. Come sempre non abbiamo la certezza del loro destino ma a giudicare da chi le ha viste sarebbe segnato.

Per la cronaca le prime due sono Omeca datate 1977 mentre la terza è una Savigliano del 1978.

Nel frattempo, dall'altra parte dell'Italia, la DE.520-016 ha trasportato da Cremona ad Alessandria la ALn 668.1931, la ALn 668.1047 e poi la ALe 582.016, il Le 763.163 e il Le 884.151 oltre a un'altra ALe 582 non identificata né identificabile a vista causa graffiti.

Per i dati di quest'ultima serve la palla di cristallo, per il resto bastano i libri. La ALn 668.1931 è una Omeca del 1976 mentre la ALn 668.1047 è sempre una Omeca ma del 1977. Per quanto riguarda la ALe 582.016 è una Breda Pt-Marelli del 1988, per contro il Le 763.163 è uno Stanga del 1991 mentre il Le 884.151 è un Breda Pt del 1982.

Foto di repertorio

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia