Arriva agosto, arriva l'estate ma il lavoro in ferrovia non si ferma. Rallenta ma non si ferma.

Proseguono perciò anche col solleone i movimenti di materiale demolendo e ancora una volta protagoniste sono l'Adriatica e Alessandria.

La prima è interessata dal trasferimento, verso nord, ancora di ALe 841 ma non solo. La E.655.425 è stata infatti utilizzata per spostare da Ancona a Rimini rotabili come 245.1017, MDVE 50 83 11-87 029-1, MDVE 50 83 11-87 074-7, MDVC 50 83 21-86 917-6, MDVE 50 83 11-87 137-2 e soprattutto ALe 841.014, Le 761.007, Le 581.007ALe 841.013.

Successivamente, il convoglio senza le quattro Medie Distanze è stato preso in carico dalla E.632.038 e nella scorsa notte ha proseguito alla volta di Castelfranco Emilia.

Senza nulla togliere al resto del materiale spendiamo due parole sul complesso di ALe 841. La ALe 841.013 è la ex ALe 601.056 datata 1971 e trasformata nel 1997. Per contro la ALe 841.014 è la ex ALe 601.055, sempre del 1971 e sempre trasformata nel 1997.

Per quanto riguarda le due intermedie, il Le 761.007 è l'ex Le 700.006 del 1966 trasformato nel 1997 mentre il Le 581.007 è invece l'ex Le 480.001 datato 1960 e trasformato sempre nel 1997.

Per contro, invece, dovrebbero aver fatto l'ultimo viaggio da Alessandria a San Giuseppe di Cairo le automotrici che avevamo visto arrivare qualche giorno fa da Trieste.

Si tratta delle ALe 940.001, .009, .021 e .023, seguite dalle ALe 801.017 e .025. Ad esse si dovrebbero essere aggiunte secondo alcune voci due ALe 803, la ALe 803.023 (Aerfer-Ocren, 1963) e la ALe 803.033 (Stanga-Ocren, 1962).

Foto di Matteo E483, video di Akiem483

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia