Pantografo in presa, questa mattina l'ETR.252 Arlecchino, fresco di revisione, ha raggiunto la Capitale da Pistoia.

Non sulle sue "gambe", visto che ancora deve effettuare dei collaudi, ma trainato dalla E.656.023, il Caimano di Fondazione FS Italiane ancora nella bella livrea d'origine.

Motivo della discesa a Roma è con tutta probabilità una presentazione che dovrebbe tenersi domani per mostrare il Piano di Sviluppo del Turismo di Ferrovie dello Stato Italiane, che speriamo veda al suo centro anche gli storici elettrotreni delle FS.

Non sarebbe male un progetto che includa magari anche l'ETR.232 e l'ETR.302 e in tal senso sarebbe bello sognare in futuro anche l'ETR 450 e, perché no, l'ETR 401, il Binato Breda TEE e le ALe 601.

Un "pool" di convogli che hanno fatto la storia della trazione elettrica italiana e che sarebbe giusto far girare sui nostri binari per tramandare quanto di buono realizzato dal nostro Paese nel campo dei trasporti su rotaie.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia