Siamo ogni giorno sempre più abituati, giustamente, ad avere a che fare con treni nuovi in costruzione che ben presto andranno a solcare i nostri binari.

Si tratta di convogli di nuova concezione, veloci, aerodinamici, ma anche internamente curati, con spunti tecnologici o comunque moderni che fino a qualche anno fa era solo utopistico immaginare.

E del resto, ad essere onesti, nessuno oggi si sognerebbe di presentare al pubblico un rotabile senza le prese elettriche al posto, senza l'aria condizionata, senza le ritirate chimiche, il Wi-Fi o persino le prese USB per la ricarica dei dispositivi.

Eppure il viaggio sulla ALn 668.1401 effettuato in occasione dei 120 anni della Transiberiana d'Italia, è stato l'occasione per rivivere una ferrovia ormai definitivamente scomparsa, una ferrovia in cui mancavano molte delle comodità moderne ma che per certi aspetti aveva il suo fascino, la sua eleganza e quel sapore di antico che ogni tanto è piacevole riscoprire.

Il rischio che si corre, infatti, è a nostro giudizio anche quello di abituarsi facilmente alle novità e alle modernità e darle quasi per scontate, dimenticando come erano soliti viaggiare in tempi nemmeno troppo remoti i nostri nonni o i nostri genitori.

E così, abbiamo dato spazio ai ricordi, immortalando gli interni spartani ma per nulla scomodi, con la prima classe che si differenziava dalla seconda quasi esclusivamente per il colore dei sedili e per il vellutino delle sedute, senza la pomposità dei livelli Business, Executive, Smart e così via.

 

Il tutto senza dimenticare i romantici dipinti sopra i sedili o le bagagliere che una volta erano davvero capienti per trasportare le valigie. 
Non poteva poi mancare la visita alla toilette che forse è quella che più di tutti mostra i segni del tempo, con l'essenziale water e l'ancora più essenziale cestino per i rifiuti, con il microscopico lavabo e il rubinetto con due sole possibilità, acqua calda o fredda, nulla di più.

 

Un tuffo nel passato che lascia senza fiato che però, scansando l'ipocrisia, è stato verosimilmente reso ancora più affascinante dalla consapevolezza che il giorno dopo, per andare a lavoro, ci saremmo accomodati su un moderno convoglio di ultima generazione.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia

Potrebbe interessarti anche...