Nel luglio del 1995, veniva inaugurato il tratto Carnia-Pontebba della "Nuova Pontebbana", in Friuli Venezia Giulia che mandava in pensione un altro pezzo della storica, bellissima linea.

Lunga 23 km dei quali l'80% in galleria,  la tratta segue le aperture delle precedenti P.M. Vat-Tarcento (1987), Tarcento-Gemona (1990) e Germona-Carnia (1988).

Con una riduzione del tracciato originario di circa 10 km, viene contestualmente abbandonato il vecchio percorso con la conseguente soppressione delle stazioni di Moggio, Resiutta, Chiusaforte, Dogna e Pietratagliata.

Il nuovo percorso, senza dubbio molto più pratico anche se decisamente meno spettacolare, vede una pendenza massima del 14.47‰ con un raggio di curvatura minimo di 1.522 metri ed è percorribile a 160 km/h senza alcuna limitazione di circolabilità.

Le gallerie che lo compongono sono Campiolo (1.840 m), M. Palis (3.750 m), Le Piche S. Rocco (4.047 m) e Zuc del Bor (9.270 m).

Tra le tante motivazioni alla base della scelta di una nuova linea ci fu anche il terremoto che sconvolse il Friuli Venezia Giulia il 6 maggio del 1976 che danneggiò profondamente il vecchio tracciato mostrandone, di fatto, tutta la delicatezza.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia

Potrebbe interessarti anche...