Sette profughi di varie nazionalità sono stati rintracciati ieri all’interno di una tramoggia contenente mais su un treno proveniente dalla Serbia.

Il rintraccio è stato possibile grazie alla telefonata effettuata da uno degli stranieri e girata dal numero unico di emergenza 112 alla Polfer di Verona. L’operatore di Polizia è rimasto in contatto telefonico per circa 40 minuti con il giovane per localizzare la posizione del treno e per accertarsi dello stato di salute dei profughi. Alla fine, i profughi sono stati ritrovati grazie anche all’intervento dei Vigili del Fuoco in un carro merci.

Si tratta di tutti giovani di sesso maschile presumibilmente tra i 20 e 25 anni, di cui 5 hanno dichiarato di essere afghani, uno proveniente dal Marocco e uno iraniano. Le persone estratte dalla cisterna sono state trovate in discrete condizioni di salute e non bisognose di cure mediche, così come riferito dal personale sanitario che li ha visitati.

Il treno merci che trasportava cereali per uso animale, proveniva da Villa Opicina ed era partito dalla Serbia con direzione Poggio Rusco (MN). L’esame degli altri convogli in composizione al treno ha dato esito negativo.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia