È scontro sul recupero della ferrovia Fano-Urbino.

Il PD, da sempre favorevole alla realizzazione di una pista ciclabile, boccia la proposta sposata dal centrodestra per il recupero della linea sul modello della Ferrovia della Val Venosta.

"La linea ferroviaria – sottolinea il segretario Alberto Bacchiocchi – è un bluff da 120 milioni di euro (100 milioni per la riqualificazione degli impianti e 20 milioni per l’elettrificazione) che non servirà operai e studenti. 120 milioni di euro sono una cifra stratosferica e, se mai fosse disponibile, potrebbe alleggerire il carico fiscale delle famiglie che abitano tra Fano e Urbino".

"Ci sono altri due elementi che bocciano – prosegue Bacchiocchi – questo progetto. Le ferrovie turistiche sono state equiparate, in termini di sicurezza, a quelle della rete commerciale e l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria ha imposto limiti rigidissimi. Inoltre tolte rarissime eccezioni, le ferrovie turistiche in Italia hanno un utilizzo medio di meno di un mese all’anno e non si reggono dal punto di vista dei bilanci".

Per Bacchiocchi, dunque, si tratta di "una scellerata promessa da campagna elettorale", mentre il PD "rilancia la proposta di un percorso ciclabile, accanto e non al posto dei binari ferroviari, per il quale sono già disponibili 4,5 milioni di euro".

"Il centrodestra - prosegue - dice che la ferrovia della Val Venosta è un successo? Messa al servizio degli sciatori, dopo 120 milioni di investimenti e gestita dalla Provincia Autonoma di Bolzano, che gode di risorse economiche infinite. Vale lo stesso per Fano? Il bacino di utenti del nostro territorio ha bisogno di collegamenti veloci e sicuri, non di una lenta ferrovia turistica".

Parole che provocano la durissima reazione dell’associazione Ferrovia Valle Metauro per bocca dell’ingegner Russo: "Come al solito bugie e mistificazioni. Il PD confonde le ferrovie turistiche con la ferrovia per il trasporto pubblico locale e fa finta di dimenticare che, tra i ponti e le 8 gallerie, i tratti in cui la ciclabile andrebbe sopra i binari sono oltre 13 chilometri. Certo che se si fosse chiamata Pesaro-Urbino da anni avremmo di nuovo la ferrovia".

Prosegue Russo: "Come ci ha illustrato il direttore della Ferrovia Val Venosta Marco Stabile, loro stanno elettrificando la linea per far fronte all’enorme incremento di utenti e di conseguenza riducono i tempi di percorrenza passando da un treno ogni mezz’ora ad un treno ogni quarto d’ora: un altro mondo dove si paga con tesserine tipo Skipass si può viaggiare gratis (studenti ed anziani) o pagare in base al reddito".

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia