Il Tar della Valle d'Aosta ha respinto il ricorso della società Arriva (gruppo DB) contro l'aggiudicazione a Trenitalia del servizio di trasporto ferroviario regionale.

Un appalto di cinque anni, prorogabili di ulteriori cinque, del valore complessivo di 179 milioni di euro. In giudizio si erano costituiti Inva spa, la Regione Valle d'Aosta e Trenitalia. La società del gruppo FS si era aggiudicata la gara con un punteggio di 90,53 punti, contro gli 81,43 di Arriva, che nel ricorso depositato il 25 gennaio scorso denunciava "una pluralità di illegittimità" (Ferrovie, Arriva chiede l'annullamento del bando vinto da Trenitalia per la Valle d'Aosta).

A sua volta Trenitalia, con un ricorso incidentale, aveva segnalato "l'illegittimità della mancata esclusione" di Arriva.

Nel novembre 2018, la Regione aveva assegnato definitivamente il servizio a Trenitalia, al termine di una gara a due proprio con Arriva, già presente in Valle d'Aosta dal 2016, dopo l’acquisizione dell'azienda di trasporto pubblico su gomma Savda.

Il via al nuovo appalto ferroviario è atteso alla fine del 2019 e prevede l'utilizzo di convogli bimodali, un sistema integrato di bigliettazione e la riapertura delle biglietterie nelle principali stazioni della Valle d'Aosta.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia