Una giornata a due volti, quella di ieri, per il Treno del Mare, lo storico da Cuneo a Ventimiglia.

Da una parte c'è la soddisfazione degli organizzatori per il tutto esaurito, con quasi 400 viaggiatori ma dall’altra non sono mancate le proteste, sia per i disguidi sul sito internet di Trenitalia che hanno impedito a molti di acquistare i biglietti che, alla riattivazione del sistema, sono andati esauriti in poche ore, ma anche per la composizione del convoglio.

Il terno è stato infatti trainato da una locomotiva a vapore con in composizione storiche carrozze «Centoporte» degli Anni ’30 ma giunta a Limone, la Gr. 940.041 è stata staccata per fare ritorno a Torino e il treno ha proseguito la corsa trainato da una locomotiva Diesel.

Perplessità tra i presenti ma tutto previsto e in qualche modo impossibile fare altrimenti. Per prima cosa ha pesato la scarsa autonomia della locotender ma soprattutto la mancata autorizzazione delle Ferrovie Francesi al passaggio in valle Roya, per l’elevato rischio incendi dovuto alla siccità.

Come ci hanno riferito i nostri collaboratori che erano sul treno, ad ogni modo, l'evento è stato molto piacevole e più di uno ha apprezzato la storicità anche della D.445.1011 che rimane comunque una macchina datata 1974 e quindi in servizio da 45 anni.

Foto e video di Gian Marco La Terra Maggiore

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia