Nove mesi di carcere e 3mila euro di risarcimento da versare a Trenord.

Questa la pena per il romeno 23enne che nel 2016 scagliò dei sassi contro il treno dal quale era stato fatto scendere perché trovato senza titolo di viaggio.

Il giovane venne fermato dal controllore e, privo di biglietto, fatto scendere alla stazione di Bellano. Il ragazzo in questo modo avrebbe potuto evitare la sanzione, ma sceso dalla carrozza lanciò contro il convoglio un sasso, scheggiando un finestrino. La condanna inflitta è stata più severa degli otto mesi di carcere chiesti dalla accusa.

La rabbia del passeggero potrebbe non essersi fermata al sasso, i carabinieri infatti lo hanno denunciato per aver vandalizzato con alcune scritte le panchine in riva al lago, ma non essendo possibile dimostrare che il responsabile fosse effettivamente l’imputato, sia il pm sia la difesa ne hanno chiesto l’assoluzione.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia