I treni di Italo per il servizio regionale, qualcosa più che una suggestione.

Ne parla l'AD Gianbattista La Rocca in una lunga intervista a La Stampa

"Siamo di fronte alla seconda ondata della pandemia ed e chiaro che ci troveremo di fronte ad una riduzione degli spostamenti a lunga percorrenza. Il 3 novembre il numero attuale dei nostri collegamenti giornalieri da 87 (erano 112 pre-Covid) scenderanno a 60. Si parte con un taglio di 27 viaggi quotidiani, ma non sono da escludere ulteriori riduzioni in futuro. E allora invece di tenere fermi questi treni li possiamo usare sul trasporto locale".

Il problema sarebbe regolare i contratti di servizio tra le regioni e Trenitalia ma secondo La Rocca la pandemia ha stravolto le carte e ogni aiuto è ben visto.

"Siamo in una situazione di emergenza che richiede una risposta tempestiva e coerente per garantire la sicurezza. Noi abbiamo treni e personale che potrebbero essere utilizzati, ad esempio, per trasportare in sicurezza i pendolari del Lazio tra Roma e Civitavecchia e tra Roma e Formia, in Piemonte sulla linea storica fra Torino e Milano e anche tra Milano e Verona".

Del resto se prima della seconda ondata era lecito sperare di avere un aumento dei posti sui treni AV, anche la compagnia si è resa conto che ora le possibilità sono scarsissime. E questo nonostante gli interventi già messi in campo.

Il problema maggiore, tuttavia, rimane il decreto attuativo che avrebbe dato ossigeno alle casse della società ma che ancora non è stato approvato.

Su questo La Rocca ha le idee chiare. "Trovo davvero assurdo che mentre il paese sta affrontando la seconda ondata della pandemia alla nostra società non siano ancora arrivati i soldi messi a disposizione con il decreto rilancio di maggio. Se arriverà questa iniezione di risorse potremo continuare a far viaggiare i nostri treni e potremmo mettere a disposizione gli Italo fermi e i dipendenti inutilizzati a supporto del trasporto ferroviario regionale garantendo il diritto alla mobilità dei pendolari nella massima sicurezza evitando cosi il rischio di sovraffollamento nelle ore di punta".

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia