“Sono anni che il Gigetto divide l’opinione pubblica: rilanciarlo o smantellarlo?

È ora di porre fine al dibattito adottando quanto prima una soluzione che faccia da compromesso e riesca a conciliare il più possibile le parti. Così com’è ad oggi la linea Modena-Sassuolo è inutile e costosa, sarebbe meglio “rottamarla” e trasformarla in metrotranvia”.

Queste le dichiarazioni del capogruppo consiliare di Lega Modena, Alberto Bosi, in merito al collegamento ferroviario provinciale. “Quanti sono coloro che usufruiscono di questo servizio di trasporto regolarmente? Pochi, pochissimi; e gran parte degli utenti se ne serve in modo occasionale, soltanto saltuariamente. Ha senso dunque mantenere così com’è questo collegamento ferroviario con tutti i costi di manutenzione e le ripercussioni a livello ambientale che ne conseguono? Per non parlare delle lamentele di tutti quegli automobilisti che continuamente negli orari di punta si ritrovano incolonnati ai passaggi a livello per minuti interminabili, e di tutti i cittadini che - abitando nei pressi della ferrovia - già dall'alba subiscono i fischi laceranti del treno”.

Partendo dal presupposto evidente che “così il Gigetto non va”, i consiglieri della Lega affermano che sarebbe meglio sostituirlo con un mezzo meno dispendioso e più funzionale, oltre che ecologico, “con buona pace dei nostalgici, più affezionati al Gigetto come simbolo modenese che come vera utilità” ha aggiunto Bosi.

La soluzione proposta dalla Lega è già nota e circola da diverso tempo sui tavoli dei tecnici addetti alla mobilità locale: si tratta della metrotranvia. Nei giorni scorsi, intanto, il gruppo della sinistra civica di Modena Volta Pagina ha rilanciato l’idea e avviato una raccolta firme per chiederne la realizzazione.

“La nuova linea ibrida manterrebbe indicativamente la stessa capienza e velocità, andando ad eliminare le problematiche ambientali e acustiche, e a risolvere - almeno in parte - il nodo dei passaggi a livello: con l’utilizzo di sistemi semaforici - che andrebbero a sostituire quelli di chiusura e riapertura delle sbarre - si ridurrebbe il tempo di attesa degli automobilisti” ha spiegato Bosi a nome del gruppo Lega. “Ecco perché ci sembra la soluzione migliore da adottare il prima possibile”.

Foto 1 Simone Bertarini - Foto 2 TopRail

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia