Si aprirà a fine anno il processo in Cassazione sulla strage ferroviaria di Viareggio.

La Suprema Corte ha infatti fissato per il prossimo 2 dicembre l’udienza di apertura del procedimento sui ricorsi relativi alla sentenza di Appello di Firenze.

Secondo quanto si apprende da fonti legali, la causa sarà trattata davanti alla quarta sezione penale. Alle parti è stato notificato in queste ore l’atto di udienza. Il 20 giugno 2019 la Corte di Appello di Firenze ha condannato i vertici e i dirigenti delle Ferrovie e amministratori e dirigenti di società ferroviarie estere che si occupavano dei carri merci.

Tra i 16 condannati che hanno presentato ricorso in Cassazione c’è Mauro Moretti, ex Ad di FS e di RFI, condannato a 7 anni per disastro ferroviario, omicidio plurimo colposo, lesioni colpose, incendio. “Abbiamo sollevato questioni su tutte le accuse che hanno portato alla condanna”, aveva spiegato il legale Armando D’Apote a gennaio annunciando il ricorso.

Dunque a dicembre, a un anno dalla pubblicazione delle motivazioni delle condanne di Appello, si torna in aula per il terzo grado di giudizio: un giudizio di legittimità e non di merito, che si prevede di conseguenza molto più rapido.

Nel 2021 quasi certamente sarà detta l’ultima parola sulla battaglia per la giustizia e per la verità dei famigliari delle 32 persone che il 29 giugno del 2009 persero la vita a causa di quel devastante rogo.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia